BUON 2020

D.Burberi__DUB6665-2

02 gen BUON 2020

Ciao a tutti e buon 2020!

Ritorno dopo un po’ di tempo a scrivere qui perché ci sono diverse cose che vorrei dirvi (e per alcune di esse “vorrei” è proprio la parola giusta, visto che VORREI, ma non posso).

Intanto, ricordo a tutti che il 24 gennaio si terrà al Teatro Magnolfi di Prato il primo studio, o anteprima, di “WONDERFUL – quiz teatrale a punti (interrogativi) per combattere l’ansia”, il nuovo spettacolo di RG e Massimo Bonechi, che di tanto si discosta dai suoi precedessori barricaderi “Gobbo a Mattoni” e “Io sono Partito”, ma che non mancherà (speriamo) di farvi ridere e commuovere come i suoi fratellini. Ovviamente presto su tutti i canali social molti dettagli su questo evento.

Poi, sono felicissimo di annunciare che il 2020 mi vedrà collaborare con un artista col quale ci tenevamo d’occhio a vicenda già da un po': il regista e autore umbro Liv Ferracchiati, col quale debutteremo in luglio in un posto che manco ci potevo credere quando me l’ha detto con uno spettacolo sul quale non vi posso dire nullissima. Certo, non è una gran rivelazione, al momento, ma se tanto tanto conoscete Liv e seguite me, sapete che razza di fuoco d’artificio potrà venire fuori da questo incontro.

E ancora poi, il 23 gennaio esce al cinema “Figli”, l’ultima scrittura di Mattia Torre per il grande schermo, film nel quale ho una minuscola particina che però mi rende molto fiero perché ero (e sono) un fan scatenato di Mattia… e perché mi sono divertito molto a girare insieme al grande Valerio Mastandrea.

E ancora poi, per le prossime date, appuntamenti e laboratori, sapete che c’è sempre la sezione apposita di questo sito che potete consultare quando volete.

E ancora poi, se ancora non avete comprato il libro “Una Vita Straordinaria – il teatro di RG dal 2011 al 2018″, sapete che c’è sempre la sezione apposita di questo sito su cui potete acquistarlo quando volete.

Ma soprattutto, auguri, buon anno, buon nuovo decennio, viva gli anni 20, ci vediamo là fuori,

Vostro come sempre,

RG.